fbpx
Come ottenere detrazioni porte interne _ Costantin Serramenti | Rovigo - Padova

Detrazioni porte interne: ecco come ottenere un conveniente 50%

Mettiamo in un angolo il tanto complicato Superbonus e concentriamoci sulle detrazioni porte interne previste dai bonus minori. 

Se hai intenzione di ristrutturare casa e sostituire le tue vecchie porte interne, questo breve articolo può aiutarti a non perderti nel labirinto dei tanti Bonus che oggi affollano il settore edile. 

Però, c’è una buona e una cattiva notizia. 

Partiamo da quella buona: puoi sostituire le tue vecchie porte recuperando metà della spesa. 

Niente male! 

La brutta notizia è che, purtroppo, non esiste un vero e proprio Bonus Porte Interne per ottenere la detrazione del 50%, effettuando solo l’intervento di sostituzione di questi serramenti interni. 

Ora, se vuoi sapere qual è il bonus che consente di recuperare la spesa per l’acquisto e la posa in opera di porte interne, e come muoverti per non commettere errori evitando così brutte sorprese fiscali, continua pure a leggere. 

Detrazioni porte interne: rinnova i tuoi ambienti con il Bonus Ristrutturazioni

Eccolo.

È il Bonus Ristrutturazioni, che spicca tra i tanti Bonus “Minori” prorogati fino al 2024, che ti consente di sostituire le tue vecchie porte interne con porte moderne a misura delle tue esigenze di stile e comfort.

Un’agevolazione che sicuramente è tanto più semplice rispetto al ghiotto 110 (che non ti consiglio se non devi fare chissà quali lavori di riqualificazione energetica),  ma che comunque ha precise regole. Il problema è che queste regole, soprattutto per quanto riguarda il mercato del credito sono cambiate spesso, in molti casi dalla sera alla mattina. Risultato? Tanta confusione. 

Per fortuna, le regole “tecniche”, consentimi questa definizione, non sono cambiate. E proprio su queste regole voglio portare la tua attenzione. 

Andiamo al sodo.

Come portare in detrazione la spesa per la sostituzione di porte interne?

Non si può parlare di detrazioni porte interne senza chiamare in causa il Bonus Ristrutturazioni. 

La nuova legge di Bilancio ha prorogato fino al 2024 il bonus per interventi di ristrutturazione, manutenzione, restauro e risanamento conservativo, con un tetto massimo di spesa di 96.000 euro e una detrazione del 50%. 

E se hai intenzione di portare a termine almeno uno di questi interventi, puoi approfittarne per sostituire le tue vecchie porte interne e recuperare metà della spesa. 

Detto ciò, diventa scontata la risposta alla domanda “posso sostituire solo le porte interne e ottenere la detrazione del 50%?”

La risposta è NO!

In parole molto semplici, puoi portare in detrazione la spesa per la sostituzione delle porte interne quando l’intervento è eseguito congiuntamente ad un altro intervento di manutenzione straordinaria, che può essere, ad esempio, l’allargamento o lo spostamento di porte per favorire l’installazione di sistemi a scomparsa per recuperare centimetri preziosi in casa (a proposito, clicca qui e dai un’occhiata a questo lavoro), oppure il rifacimento dell’impianto elettrico, di riscaldamento o altro. Ma le detrazioni porte interne spettano anche per lavori che prevedono la SCIA per modifiche ad elementi strutturali.

Quindi, è il Bonus Ristrutturazioni al 50% da prendere in considerazione come riferimento per la sostituzione delle porte interne e non il Bonus Mobili. 

L’Agenzia delle Entrate ha specificato che «è escluso l’acquisto di porte, pavimentazioni (per esempio, il parquet), tende e tendaggi, altri complementi di arredo» con il Bonus Mobili. 

Se vuoi saperne di più sulle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie clicca qui per andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate. 

Ora, la cosa più importante: a chi devi rivolgerti per ottenere la detrazione che ti spetta senza correre rischi e un risultato all’altezza delle tue aspettative? 

Detrazioni porte interne e finestre Rovigo: affidati solo a professionisti qualificati, preparati e organizzati per non avere problemi prima, durante e dopo i lavori

Abbiamo visto che non esiste un vero e proprio Bonus per le porte interne, ma che è comunque possibile beneficiare di un bel 50% grazie al Bonus Ristrutturazioni. Ovviamente, a precise condizioni. 

Però, quando ci sono di mezzo le nuove agevolazioni fiscali, l’errore è sempre dietro l’angolo. E dietro lo stesso angolo c’è sempre l’Agenzia delle Entrate, pronta a controllate tutti gli aspetti tecnici e fiscali dei vari interventi. 

Ma se sei arrivato a leggere fin qui è perché vuoi ottenere il risultato che ti aspetti con zero noie fiscali, magari per sfruttare le detrazioni porte interne o magari per sostituire le tue vecchie finestre. 

Se vuoi dormire su sette cuscini, hai bisogno del supporto di professionisti qualificati, preparati e aggiornati sulle nuove agevolazioni, ma anche organizzati per seguire il tuo progetto dal punto di vista tecnico e fiscale.  

In Costantin Serramenti non troverai semplici venditori, ma consulenti che possono aiutarti a scegliere i tuoi nuovi serramenti senza commettere errori (serramenti a misura delle tue esigenze!), sfruttando le nuove agevolazioni in totale sicurezza. 

Noi siamo già pronti per analizzare il tuo caso dal punto di vista tecnico e fiscale, per trovare insieme una soluzione su misura. 

Se vuoi ricevere immediatamente assistenza per serramenti che sceglierai seguendo un SISTEMA che funziona (Finestra Sartoriale è il nostro Sistema Unico di Lavoro, studiato per assicurarti la garanzia del risultato!), senza perdere tempo e senza commettere errori che potrebbero costarti davvero caro, ecco cosa devi fare: 

CLICCA QUI e prenota subito una prima analisi del tuo caso. 

Sarò felice di illustrarti tutte le garanzie del Sistema Unico Finestra Sartoriale per interventi di sostituzione di vecchi serramenti in progetti con i nuovi Bonus per l’edilizia.